Giovedì 11 febbraio alle 17 e sabato 13 febbraio alle 11 presso il Museo petrarchesco piccolomineo di via Madonna del Mare 13 le visite guidate alla mostra de “La cucina del mortaio e del pestello : alimentazione e salute tra Medioevo ed Età moderna” ci faranno scoprire la dieta delle monache del convento di San Cipriano, a Trieste, in tempo di Quaresima. Anguille, cefali – chiamati in dialetto “cievoli” – , “orade”, riboni, scuadena, cimmole e pesce minuto costituivano la loro alimentazione proteica in questo periodo dell’anno liturgico.

Le immagini che pubblichiamo – illustrate nell’allestimento del Museo petrarchesco piccolomineo, dove ne sono esposte le riproduzioni – sono dell’Urbario del cenobio, patrimonio della fondazione Scaramangà di Altomonte di Trieste.

Le visite guidate alla mostra sono curate da Flavia Giona, dell’Associazione “Cittaviva”, e dalle curatrici dell’esposizione Alessandra Sirugo e Cristina Fenu.

Il Museo petrarchesco picccolomineo di via Madonna del mare, 13 è aperto con ingresso libero da lunedì a sabato dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19. informazioni: 040/6758184 o 040/6758277

e-mail: museopetrarchesco@comune.trieste.it ; aggiornamenti sul sito www.museopetrarchesco.it e sul profilo Facebook del Museo petrarchesco piccolomineo